Stazioni ferroviarie con una storia: la stazione di Comiso

Sulla linea Caltanissetta Xirbi-Gela-Siracusa si trova la stazione del comune di Comiso, 30.201 abitanti in provincia di Ragusa. Divenne operativa il 14 marzo 1893, quando entrò in funzione il tronco ferroviario che collegava Terranova a Comiso; mentre il 18 giugno, dopo tre mesi in cui Comiso fece da capolinea, la linea venne estesa fino a Modica.

Il fascio binari era formato da un raddoppio per incroci e precedenze, più alcuni binari tronchi. In origine la stazione era dotata di piano caricatore, ponte a bilico e magazzino merci.

Più avanti si decise di potenziare con l’impianto con una torre dell'acqua, una colonna idraulica per il rifornimento delle locomotive a vapore e una piattaforma girevole.

dish

Nel 2013 fu inaugurato l’aeroporto di Comiso: uno scalo importante, perché il Barocco Ibleo della provincia di Ragusa attrae sempre parecchi turisti come la presenza di un’agricoltura di alta qualità (serricoltura, zootecnia…) che culmina forse in un prodotto cult come il pomodoro pachino e dettarino della provincia Siracusana.

dinner

L’apertura dell’aeroporto concise con la nascita di alcune polemiche riguardanti proprio la stazione di Comiso, che dal 2013 al 2016 fu soggetta a uno smantellamento che la portò di fatto a diventare una semplice stazione di passaggio. Al momento è in funzione il solo binario passante: secondo e terzo binario, binari deviati e deviatoi sono stati smantellati (il che rende chiaramente impossibili tutti gli scambi e i collegamenti.

dessert

Nonostante le proteste di alcuni cittadini e della Cub Trasporti, che sostiene sia stata rovinata un’infrastruttura storica, ora la stazione è una semplice fermata: nello scalo merci non c’è più il fabbricato, della rimessa rimangono solo le mura esterne e il tetto è stato asportato, ma sono ancora presenti sia la cisterna che la colonna idraulica.